Fondamento Normativo Gost-R

Il processo d’importazione delle Merci in un paese straniero è sicuramente una procedura di per sé abbastanza complessa in quanto, al di fuori della Comunità Europea e quindi da un quadro legislativo di riferimento comune a tutti i paesi aderenti, ciascuno Stato legifera in maniera del tutto autonoma ed indipendente dagli altri.

Nell’ottica di agevolare ed armonizzare il commercio internazionale e tutelare, altresì, interessi sociali mondiali sono stati stipulati numerosi accordi internazionali [si pensi ad esempio alla Convenzione di Washington o CITIES che regolamenta il commercio, in termini di esportazione, riesportazione, importazione, transito, trasbordo o detenzione a qualunque scopo, di talune specie di animali e piante minacciate di estinzione, nei 130 Paesi che hanno aderito a tale accordo, ovvero al più famoso WTO Organizzazione Mondiale del Commercio il quale propone ed impone regole ed accordi comuni a tutti i paesi aderenti (riduzione dazi doganali, documentazione, etc. etc.).

Nel nostro caso la cessione all’esportazione dove avvenire verso la Federazione Russa che solo recentemente ha aderito al WTO (Dicembre 2011) ed è rimasta per un lungo periodo (ricordo che il processo di armonizzazione alle regole del WTO dovrà avvenire entro il Dicembre 2021) del tutto indipendente da regole comuni e legiferando come meglio ritiene opportuno per i propri interessi statuali. Nel 1992 (dopo il disgregamento dell‘ex URSS) l’ordinamento giuridico della Federazione Russa è stato integrato con l’introduzione delle legge sulla tutela dei diritti del consumatore (Legge n. 2300-1 del 7 Febbraio 1992).

Tale normativa ha stabilito il diritto del consumatore alla sicurezza e alla adeguata qualità dei prodotti acquistabili sul mercato, nonché il diritto all’informazione sulle caratteristiche e modalità d’utilizzo del bene acquistato. La certificazione obbligatoria è stata introdotta come uno degli strumenti per l’attuazione della normativa di cui si tratta e, in ottemperanza ad essa, il Gosstandart (Ente di normazione della Federazione Russa) e il Comitato Nazionale Doganale (GTK) hanno formulato la lista dei prodotti d’importazione che ricadono nell’ambito delle tutele previste dalla legge del 1992 e successive modifiche.

Detta certificazione ha preso il nome di Gost Standard conosciuto comunemente come certificato Gost (acronimo di gosudarstvo standard “standard di stato”). Il Gost Standard trova la sua legge quadro di riferimento nella normativa federale N° 184 FZ del 27/12/2002 e successive modifiche (Federalni Zakon “Legge Federale”) ed ancor più dettagliatamente in vari regolamenti tecnici di attuazione emanati dall’ente di normazione che la disciplinano settorialmente nelle varie categorie merceologiche. l’importazione dunque nel territorio della Federazione Russa di prodotti da paesi terzi (quale è l’Italia) deve sottostare agli standard emessi dallo Stato Russo che stabilisce per ogni tipologia di prodotto i protocolli tecnici ed/o igienico-sanitari da eseguire per verificarne la congruità allo standard nazionale.

Fondamento sostanziale del Gost-R:

Da un punto di vista sostanziale la certificazione Gost-R si articola in momenti separati e ben distinti tra loro:

  • Classificazione Doganale della Merce secondo la nomenclatura Russa(Codice Doganale);
  • Identificazione della tipologia Merceologica;
  • Normativa Gost di riferimento;
    Esame Sanitario, Metrico o comunque i test di laboratorio cosi come prevede la normativa di riferimento;
  • Superamento dei Test qualora i valori riscontrati rientrino nel quadro dei valori previsti dalla normativa Gost Standard.
  • Rilascio Certificazione Gost-R ove previsto dalla Legge.


Sempre in riferimento alla legge quadro Russa di riferimento per la certificazione Gost R e le recenti modifiche istituite con l’avvento della nuova zona di libero scambio tra Russia, Bielorussia e Kazakistan ricordiamoci che esistono tre tipologie di classificazione e di casistica dei prodotti:

Prodotti Soggetti a Certificazione Obbligatoria Gost-R.

Prodotti NON soggetti a Certificazione Obbligatoria

Prodotti Soggetti a Dichiarazione di Conformità Gost-R

La lista dei prodotti delle categorie sopracitate è in continuo aggiornamento, cosi come sono sempre ed in continuo aggiornamento, le norme tecniche Gost nell’ottica di una armonizzazione con le norme ISO.

Uno degli errori più frequenti è il ritenere che la merce non soggetta a certificazione Gost obbligatoria sia di libera importazione. Si tenga presente che il certificato Gost o Gost R o Gost ISO (tanto per citarne alcuni) sono uno degli aspetti e dei riferimenti di sicurezza della normativa russa sulla tutela della salute dei consumatori. L’esenzione dall’obbligatorietà all’ottenimento del controllo obbligatorio della conformità ( quindi la presentazione in dogana dello stesso all’atto dello sdoganamento della merce) non significa che la stessa merce non sia sottoposta ad altre norme per la tutela e la salvaguardia della salute pubblica.
Un buon esempio è quello fornitoci da un prodotto molto venduto dai nostri imprenditori nel mercato russo le calzature. Questo prodotto non rientra tra le categorie merceologiche incluse nella normativa obbligatoria (In questo caso si parla di Volontaria) ma può risultare altresì richiesta, all’atto dell’importazione, la Certificazione del prodotto in base alla destinazione d’uso dello stesso (si pensi alle calzature di protezione). Altro esempio può essere quello delle mattonelle o piastrelle d’arredamento; anche questo prodotto non è soggetto a controllo obbligatorio della conformità ma necessita talvolta di Certificato Sanitario Epidemiologico. Prestate quindi molta attenzione, chiedete sempre e con cura a chi se ne si occuperà cosa occorre per essere sempre in regola all’atto dello sdoganamento della merce.

Contattaci

Tipologia e Durata Certificazione Gost-R

La certificazione Gost Standard e’ richiesta in relazione alla tipologia di vendita che ciascuna azienda effettua o intende effettuare nel mercato russo. Nel caso di certificazione Gost per la singola consegna (single delivery) questa viene rilasciata sempre a fronte di una azienda importatrice russa la quale, a forte del suo status di soggetto giuridico all’interno della Federazione Russa richiede I’omologazione della merce (in termine tecnico la conformita’ della merce )agli standard di sicurezza russi per quella singola consegna (o completamento contrattuale). Tale certificato viene emesso, quindi a favore dell’importatore a seconda del contratto in essere e della relativa fattura per le merci di questa consegna. Per una consegna differente o per un compratore differente, questo tipo di certificato non è valido. Prove di campioni, a volte, sulla merce da inviare, possono essere richiesti per analisi e controllo della conformità. Quasi mai è richiesta visita Ispettiva di personale accreditato dall’ Ente Russo di Normazione e Regolamentazione Tecnica.

Per l’ottenimento della certificazione Gost per singola consegna sono documenti obbligatori:

  • Contratto di Compravendita o copia dello stesso tra l’acquirente (Russo) ed il venditore (Italiano);
  • Copia della Fattura di Vendita;
  • INN cliente russo (Il corrispondente della nostra Partita IVA);
  • OGRN cliente russo (una sorta della nostra registrazione camerale o del tribunale della società);
  • OKPRO (Il codice statistico della società russa);
  • Depliants e caratteristiche tecniche della merce (o quant’altro eventualmente in relazione alla tipologia di prodotto in vendita);
  • Codice Doganale Europeo (Nomenclatura Combinata) ovvero codice HS del prodotto;
  • Corrispondente codice doganale russo (A far data dal 1° luglio 2010 il codice doganale EurAseC frutto della nuova unione doganale Russia, Bielorussia, Kazakistan);

 

Tale tipologia certificativa non ha una scadenza prefissata, il certificato si intende esaurito allorquando avviene il completamento degli adempimenti contrattuali. Nel caso quindi, di merce voluminosa che necessità spedizioni a più riprese non esiste nessun problema di tempo e/o di durata, l’unico accorgimento da osservare è quello di comunicarcelo preventivamente in modo da fornirVi più copie autenticate della certificazione (una nota delle dogane russe del Settembre 2009 informava gli operatori della necessità di esibire a richiesta delle autorità doganali, certificato Gost originale o copia autentica dello stesso).

Tale tipo di certificazione e’ generalmente usata da tutte quelle aziende che non considerano il mercato russo come il mercato prevalente o di proprio interesse o per meglio dire da aziende che effettuano delle vendite “spot” verso la Federazione Russa senza continuità di sorta.

La certificazione Gost Standard con validità annuale

detto anche Certificato di Conformità` GostR viene rilasciato alla ditta italiana o comunque alla ditta esportatrice, per i prodotti in esso indicati (sempre è bene ricordarlo in relazione alla loro classificazione doganale). Tali prodotti possono essere venduti indistintamente ad un numero indefinito di clienti in Russia entro un anno dalla data di emissione del certificato indipendentemente dai contratti conclusi. I termini e i costi dei servizi del Certificato Obbligatorio di conformità GOST R con validità annuale dipendono dalla specificità di merci, dall’esistenza di altri certificati, dalla documentazione tecnica per i prodotti, ed anche dalla particolarità delle prove di laboratorio. Il costo del certificato può variare (ed anche con notevoli scostamenti) in relazione a che tipologia di merce o per meglio dire in base a quante classificazioni doganali dobbiamo far includere nella nostra certificazione Gost e come menzionato dalle prove di laboratorio e protocolli sanitari o quant’altro obbligatoriamente bisogna eseguire.

Il certificato di conformità (Certificato Gost) con validità triennale

Rilasciato alla ditta esportatrice o produttrice per la durata di anni tre (i tre anni decorrono dalla data di rilascio del certificato).

I prodotti indicati nel certificato (sempre in relazione alla loro classificazione doganale) possono essere forniti in Russia nei limiti della durata della validità del certificato quindi entro tre anni.

In conformità con la legislazione russa l’Organismo di Certificazione deve eseguire un controllo ispettivo con cadenza annuale delle aziende, che richiedono il certificato per la produzione con validità triennale.

I termini e i costi dei servizi su formalizzazione del certificato obbligatorio di conformità GOST per tre anni dipendono anche qui dalla specificità di merci, dall’esistenza di altri certificati, dalla documentazione tecnica per la produzione, e anche dalla particolarità delle prove di laboratorio. il tutto sempre in relazione a quanta merce o per meglio dire a quante voci doganali dobbiamo far includere nella nostra certificazione Gost e come citato dalle prove di laboratorio che obbligatoriamente bisogna eseguire a cui si aggiunge il costo degli ispettori che logicamente sono a carico dell’azienda richiedente.

Il certificato di conformità GOST R può essere rilasciato o richiesto anche in maniera volontaria. Esso diventa in tal caso una sorta di attestazione rilasciata al fabbricante (o all’importatore) da un ente autorizzato su base volontaria per una gamma di prodotti scelti dal fabbricante stesso (o dall’importatore) a seconda delle proprie necessità.

Le modalità per l’ottenimento della certificazione gost volontaria sono del tutto identiche sia nella prassi formale che in quella documentale rispetto alla certificazione gost obbligatoria. La peculiarità della “volontaria” consta nel fatto che è il richiedente a individuare a quali requisiti e a quali norme si vuol attestare mediante la certificazione mentre nella certificazione gost obbligatoria le norme e i requisiti che un prodotto deve soddisfare sono stabiliti dalla legge.

La valutazione di conformità su base volontaria per prodotti di fabbricazione estera è possibile solo se esistono norme GOST applicabili al prodotto.

Alcuni vantaggi del certificato volontario GOST R:
se si è in possesso del certificato GOST R volontario è più facile formalizzare la “Dichiarazione di conformità”, ove è richiesta, che in questo caso viene registrata sulla base del certificato volontario, senza la necessità di dover ripetere le prove di laboratorio su campioni. Ovviamente però, anche nel caso della Certificazione Volontaria la persona che svolge l’incarico di certificare i vostri prodotti deve essere deve essere un professionista esperto in modo da individuare le norme di riferimento secondo le quali certificare il prodotto, affinché tra le norme individuate ci siano anche quelle, il rispetto delle quali costituisce il presupposto per la registrazione della dichiarazione di conformità.

Il certificato volontario è richiesto soventemente da grosse catene commerciali russe che prima di ordinare un prodotto vogliono avere un’ulteriore prova della sua qualità. E’ anche richiesto per la partecipazione alle gare per la fornitura di beni e servizi indette da Pubbliche Amministrazioni, ed è quasi sempre richiesto per il rilascio del permesso RTN.

Il certificato Gost R volontario non può essere usato,ovviamente, per lo sdoganamento della merce in questo caso occorre la lettera di esenzione per la dogana (Отказное письмо) ma può altresì svolgere la funzione di sostituto della “Lettera di esenzione” per il commercio.
L’ovviamente indicato nel paragrafo soprastante è facilmente intuibile: In nessun paese esiste una cosi stretta relazione tra la certificazione e lo sdoganamento della merce (molto spesso si può paragonare la certificazione gost ad una sorte di licenza d’importazione) conseguentemente nel caso di certificazione volontaria essendo il fabbricante stesso o l’importatore ad individuare le norme a cui richiede la conformità (ad esempio, un produttore può chiedere che venga valutata la conformità non delle caratteristiche del prodotto, ma della sua marcatura o confezione) e questo a ben poco a che fare con la qualità e la sicurezza del prodotto

Nel caso di certificazione volontaria GOST R, la marcatura dei prodotti con il marchio di conformità è facoltativa ed avviene secondo lo standard GOST R 50460-92

Contattaci

.