Certificazione EAC|Dichiarazione di Conformità EAC|Conformità Gost EAC
  • Affidare a noi la certificazione EAC

    affidare a noi la certificazione EACNel complesso panorama delle certificazioni, esistono molteplici aziende e tanti consulenti che si occupano anche in maniera saltuaria di certificazioni di prodotti per la Federazione Russa o per paesi ex-URSS.

    Tra queste ne troviamo alcune importanti sia da un punto di vista strutturale che organizzativo ma mi sento di dire che in nessuna di queste esiste del personale con un background prettamente doganale e legale come quello presente nel nostro team.

    Con il termine background "doganale" non intendiamo personale che abbia lavorato in una casa di trasporto o in un uno spedizioniere doganale ma , altresì, personale proveniente dai ruoli dirigenziali del Ministero delle Finanze Dipartimento delle Dogane e "lawyers" specializzati in diritto russo perfettamente bilingua.

    L'importanza e l'unicità della certificazione Gost Standard ancor di più ampliata dalla nuova comunità doganale Eurasec  e dalle nuove certificazioni EAC fà si che l'aspetto doganale assuma una rilevanza tale da poter essere considerato un elemento di unicità che diversifica noi dalle altre aziende di certificazione.

    Frequentemente la nostra azienda svolge funzione di supporto con i rapresentanti della FTC (Федеральная таможенная служба) nella sua sede distaccata presso l'ambasciata Russa a Roma, così come in interventi presso le commissioni per i rapporti esteri delle delegazioni Eurasec nei confronti della dogana italiana.

    Sovente la certificazione Gost R (così come la nuova certificazione TR/TC - EAC) tende ad essere considerata, dalle aziende interessate all'ottenimento, una certificazione alla stregua, ad esempio, della ISO 9001 che (sintetizzando in maniera semplicistica), conferma la qualità e in alcuni casi il processo produttivo delle aziende e quindi, del tutto svincolate dalla logica  "doganale" del bene o del servizio oggetto della certificazione stessa.

    I certificati di conformità russi nonchè le nuove certificazioni della comunità degli stati euroasiatici  (Russia, Bielorussia, Kazakistan, Armenia e Kirghizistan) sono da considerasi e da intendersi come approccio metodologico (almeno al 50%) di stampo prettamente doganale tanto da poter essere considerata una sorta di via di mezzo tra una licenza di importazione (nel caso ad esempio di Certificazione Obbligatoria la merce non può essere presentata per lo sdoganamento senza l'ottenimento del certificato), una informazione tariffaria vincolante (la voce doganale riportata nel certificato dovrà essere quella riportata nel Mod. IM 4 dal broker doganale russo pena rifacimento del certificato)  oltre che , ovviamente, una conformità del prodotto alle normative della Federazione Russa e dell'Eurasec a tutela e salvaguardia della salute pubblica.

    Date queste premesse risulta immediatamente intuibile come il processo di certificazione alla conformità normativa EuRaSEc  è più una prassi prettamente doganale, ed ecco perchè, molto spesso, la presentazione di certificati errati (almeno nella sostanza doganale) crea notevoli problemi all'atto dello sdoganamento.

    Proprio sulla base di questa logica i nostri incarichi ufficiali e di rappresentanza da parte di enti ed organismi atti all'internazionalizzazione aziendale si sono via via moltiplicati; attualmente siamo consulenti di:

    • CCIR (Camera di Commercio Italo-Russa)
    • Confindustria-Unindustria
    • Union Camere Lombardia
    • Promos
    • Anci (Associazione Nazionale Calzaturifici Italiani)

    Svolgiamo inoltre progetti ed interventi tecnici da parte dell'ambasciata Italiana a Mosca, da parte del Ministero Sviluppo Economico e sempre più frequentemente, visto l'evolversi dell'unione doganale, anche da parte dell'Ambasciata Bielorussa.

  • Certificazioni EAC dei prodotti

    Organo di certificazione EAC Gost

    Certificato EAC

    La nuova metodologia di certificazione per l'attestazione della conformità dei prodotti per Russia, Bielorussia, Kazakhstan, Armenia e Kirghizistan è basata sui nuovi regolamenti tecnici Eurasec TR/CU. La conformità  e la relativa attestazione può essere rilasciata sotto forma di dichiarazione  o di certificazione EAC (le differenze verrano spiegate successivamente) l'ottenimento della quale permetterà l'importazione, la vendita e la libera circolazione dei prodotti debitamente contrassegnati con il marchio EAC all’interno dello spazio di scambio doganale ed economico comune formato dalla comunità degli stati Euroasiatici (EurAseC). Le nuove modalità operative previste per il rilascio dei documentiprevedono obbligatoriamente (prima novità parziale introdotta rispetto alla vecchia certificazione Gost-R) la presenza di un “Applicant” (figura giuridica parzialmente nuova per il sistema certificativo russo ma ben nota in molti paesi  che adottanoil sistema certificativo detto “delle terze parti" tra i quali l’Europa.

    La figura dell'Applicant da un punto di vista legislativo (e conseguentemente certificativo) è inquadrato come: "un soggetto giuridico (dunque azienda o impresa individuale) che abbia una stabile organizzazione in uno dei paesi aderenti al trattato EURASEC". Tale figura  nell'ambito del nuovo sistema certificativo basato sui regolamenti ТР/ТС (acronimo russo di Технические Регламенты Таможенного Союза - Regolamento Tecnico dell'Unione Doganale)  è estremamente importante e oltremodo delicata (сosi come in tutti i paesi in cui tale sistema è adottato). A tale figura sarà, infatti, co-intestata la certificazione e sarà l’Applicant (in russo Заявитель), in caso di controversie che potranno scaturire da malfunzionamenti o  danni causati dai prodotti, a risponderne nei confronti degli organi competenti almeno in prima istanza. L’attestazione di corrispondenza tecnica alle normative è rilasciata, a seconda delle tipologie di prodotti, nella forma di dichiarazione di conformità EAC o nella forma di certificazione EAC e potrà avere validità, come nel caso delle vecchie certificazioni, contrattuale, annuale, triennale o quinquennale (ade eccezione di alcuni regolamenti tecnici che prevedono altre durate massime, ad esempio CU-TR 018 ha una durata massima di 4 anni).

    il simbolo EAC è l'acronimo di "Comunità economica degli Stati Euroasiatici", si presenta dunque, come Il nuovo sistema di certificazione interstatale euroasiatico e sostituisce i vecchi sistemi di certificazione nazionali quali ad esempio GOST-R, GOST-K e GOST-B .

    Introdotto a tutela della salute pubblica oltre che per certificare la sicurezza e qualità dei prodotti importati, prevedendo procedure, test specifici e l'uso di certificati e marchi di libera circolazione all'interno della comunica EurAseC. La maggior parte dei prodotti destinati al mercato euroasiatico necessita, quindi, di questi documenti attestanti la corrispondenza tra la metodologia di produzione e progettazione e le relative normative di conformità dettatate dalla apposita commissione che redige i regolamenti e le normative tecniche di conformità; per ogni categoria esistono,dunque, dei requisiti specifici da soddisfare di qualità e/o di sicurezza dettagliati appunto nei regolamenti tecnici. I prodotti, una volta ottenute le attestazioni, potranno essere marcati con il logo EAC dimostrando, in tal modo, la loro rispondenza agli standard richiesti oltre che nella comunità degli stati euroasiatici anche in buona parte dei paesi CSI.

    In seguito all’entrata in vigore delle nuove regolamentazioni tecniche molti prodotti (in anni e periodi diversi) hanno abbandonato le vecchie e obsolete certificazione nazionali (prima tra tutte le più conosciuta Gost-R) venendo sostituite dalla nuove certificazioni. Il nuovo documento timbrato e firmato dal soggetto terzo (Applicant)  dovrà essere esibito insieme alla dichiarazione d’importazione (Mod. IM4) dal broker doganale all'atto della procedura di importazione della merce ; tale documento costituisce, dunque, il documento fondamentale per l'ingresso delle merci sul territorio doganale dell’EurAseC.

    L’iter per ottenere la conformità del/dei prodotto/i differisce talvolta anche con notevoli scostamenti, in funzione delle tipologie merceologiche e del regolamento tecnico di riferimento.

    La Gost Standard S.r.l. rappresenta la "branch" italiana di un organo di certificazione con sedi a Mosca, SanPietroburgo, Voronezh,  Almaty e con filiali in Spagna, Francia e Germania e Inghilterra, dotata di propri laboratori tecnici nelle principali città della Russia gestisce in proprio o tramite partnership consolidate proprie società di Applicant ponendosi dunque, come interlocutore unico per l’azienda in modo da semplificare e snellire l’iter di certificazione, fornendo completa assistenza nell’interpretazione delle specifiche richieste dai ministeri competenti e nella preparazione di tutta la documentazione necessaria nelle varie fasi del processo di certificazione redatta in lingua russa o nella lingua del paesi di emissione del certificato. La nostra esperienza costituisce inoltre supporto all’azienda nella mappatura dei processi aziendali coinvolti e nell’individuazione delle soluzioni più adeguate per rispondere ai requisiti della norma GOST ovvero delle nuove CU-TR.

 
 

Contattaci





Contact Us

Via Santa Elisabetta, 3
Bergamo (BG) Italia


Get DirectionGet Direction


Contact Gost Standard

Phone: (035) 0667209
Mobile: (+39) 380-75-67-249


Email: info@gost-standard.eu


Open Hours

Lunedi - Venerdi: 08.00- 18.00
Sabato:09.00 - 12.00 PM


Domenica: Chiuso :)